I problemi di Paolo e Francesca

1 Gen 2020 | Amori Contemporanei

Paolo era sposato, ma non con Francesca.
Nemmeno quei famosi Paolo e Francesca di Dante erano sposati, ma questi due avevano fatto di peggio. Dovevano amarsi da lontano perchè anni fa Paolo aveva detto di sì a un’altra donna e in qualche modo doveva pur rispettare questo impegno preso di fronte a Dio. Gliel’avrebbe detto pure Dante. Francesca passava le notti a pensarlo invece di viverselo. Allora sotto le lenzuola faceva scivolare i suoi piedi sul fondo del materasso e con le dita spingeva il suo piccolo mondo cercando di renderlo più a sua misura. Dal canto suo Paolo dormiva immobile accanto a sua moglie e le regalava silenzi pieni come non mai della sua Francesca.

Per ora non avevano fatto niente di male (a parte desiderarsi) perché non volevano mica essere come gli amanti di Dante e finire in un Inferno di endecasillabi colpevolisti. Così immaginavano di amarsi liberamente in punti lontani del mondo, pur vivendo nella stessa città.
Come potevano allora amarsi davvero questi amanti a metà? Nell’unico modo che li faceva sentire legati senza fare un torto a nessuno. Ovvero quando Francesca aveva un problema, la prima persona a cui telefonava era Paolo. Poteva essere per un semplice lavandino intasato o per un rumorino strano della macchina. Davvero facevano così? Sì. Paolo viveva la chiamata come un preliminare d’amore e allora correva dalla sua bella.

Suonava al campanello e mentre aspettava sulle piastrelle salepepe si sentiva stranamente felice, perché aiutare Francesca significava dirle che lui era davvero presente nella sua vita. Non era questo che volevano le donne? Un uomo che le aiutasse in casa, anche se in verità quella era la casa in cui viveva solo Francesca perché questi due non stavano mica davvero assieme.
Quando Paolo la aiutava, Francesca si sentiva finalmente importante e completa. Lui trafficava nella borsa degli attrezzi, e quindi non facevano nulla di male; in fondo si volevano bene e dei semplici problemi quotidiani riuscivano ad unirli (e temporaneamente a risolverli) come coppia.
Andarono avanti così per un po’, Paolo e Francesca. Senza dirsi nulla di particolare per non rivelare l’uno all’altro il segreto del loro graduale innamoramento strambo. Ufficialmente erano un uomo e una donna che si sorridevano e si sostenevano a vicenda, ma il sottotesto della loro canzone parlava di occhi negli occhi e di bocca nella bocca.
Paolo e Francesca si sentivano una vera coppia solo quando avevano un problema da risolvere. Non sapendo che l’unico vero problema che avevano non l’avevano ancora affrontato.

Images: Pixabay

0 Comments

E tu cosa ne pensi?

Potresti Amare Anche Questi

AMIAMOCI A 40 ANNI

AMIAMOCI A 40 ANNI

TEMPO DI LETTURA: 3 MINUTI E allora amiamoci, in questi nostri 40 anni e rotti. Noi che non siamo più ragazzi ma nemmeno veri adulti come lo erano i nostri genitori in quella foto al mare nell’82. Noi che abbiamo dentro frasi masticate da relazioni finite sempre...

Odiarsi in quarantena

Odiarsi in quarantena

Se l’è preso. Fabrizio ha flirtato con il COVID-19 per settimane e alla fine questo qui gli ha concesso un’uscita. Che poi alla fine più che un’uscita è stata un’entrata. Sì, ma in casa nostra. Blindato lui, blindata io. Quindici giorni in isolamento domestico e io...

La torre più alta

La torre più alta

Un giorno la principessa si trovò rinchiusa nella torre più alta del castello. Fuori c’era un drago che non la lasciava uscire. Il drago era fuggito dai festeggiamenti del Capodanno cinese e per questo pure gli orientali lo temevano. Nessuno nel regno della...

Pin It on Pinterest

Share This