Category:

Mena-boh

A. D. 2018 (=Amori Disgraziati ’18)

È una di quelle notti con la luna a mongolfiera. L'ultimo pugno di luce di questi ultimi 365 risvegli. Le dita giocherellano con questo vecchio anello ed io faccio compagnia a me stessa mentre mi dico che andrà tutto bene. Mi piacciono i giorni che precedono il veglione di Capodanno. Finalmente possiamo riporre nella credenza le intenzioni di bontà del Natale e rivelare la nostra vera natura d[...]

Natale col cuneo

Ci siamo. Sta per partire la filastrocca dei pacchetti rossi e delle mani che passano dalle tasche alle strette vigorose. Il 24 e il 25 dicembre sono degni compari. L'uno spalleggia l'altro, forti di una titolarità che li rende invincibili tanto col Grinch, quanto col primo paio di calze che scarti a mezzanotte e cinque. Non sono pronta. A dirla tutta non mi impegno nemmeno per esserlo. Non è pi[...]

Buon compleanno!

Oggi è un giorno che sa di torta e palloncini. Nonostante me infatti, spegne la sua prima candelina. So bene che la retorica non serve a niente, ma questo blog è una delle sorprese più piacevoli della mia vita da adulta. Io sono una persona normale, ma questo blog mi ha fatto sentire speciale. Per essere ancora più precisi, voi mi avete fatto sentire speciale. E le storie che ho scritto, quelle ch[...]

Vacanze dai nonni

Eravamo ad un passo dagli anni Novanta. Io il croato non l’avevo mai parlato. Conoscevo solamente qualche parola di sopravvivenza legata al cibo e ai numeri. Eppure ogni estate in quel paesino dal sorriso di pietra, tu facevi la magia di parlare la mia lingua. Mi hai reso le cose facili da subito. Avevi tredici anni ed eri più grande di me. Più bello di me. Ti guardavo e ti contemplavo di nascosto[...]

I’m lovin’ it

Quale grande amante degli horror americani (ebbene sì!), ieri sera sono andata con i miei amici a gustarmi il remake di IT. Avevo visto il primo film quando avevo 11 anni: piena età dell'innocenza e delle bugie difficili. Il buono di quella pellicola era che mi aveva ben istruito sulla maledizione di condurre regate solitarie durante un temporale, indossando l'impermeabile giallo da nostromo. Devo di[...]

Daniel LaRusso ha vinto

Daniel LaRusso arriva dal New Jersey e indossa scarpe Nike. Daniel ha perso il papà quand'era piccolo e deve spingere la macchina di sua madre quando non si mette in moto. Si è trasferito da poco in un quartiere popolare di Los Angeles e se ne vergogna ogni volta in cui gli chiedono dove sia la sua casa. Ama il karate, ma finora l'ha studiato solo dai libri. Chiunque sa che non si può imparare il[...]

Ventuno

Abbassa il volume dello stereo. Umberto Tozzi mi fa effetto ancora oggi se sento grattugiare parole d'amore in alta fedeltà. Ho delle cose importanti da dirti e anche i compiti di latino possono aspettare. Come dici? Domani ci sarà l'ultima verifica sui verbi? Credimi, nella vita le uniche parole latine che ti serviranno davvero saranno “curriculum”, “bonus/malus” ed “ex”. Ecco, sopratt[...]

Scostumati, noi.

In estate, puntuale come la traccia sbagliata del Ministero all'esame di maturità, arriva la prova costume. E noi, nonostante la sgragnuola vendittiana di “Notte prima degli esami” non siamo mai pronti all'appello. Arriva però per tutti quello strano giorno di giugno, in cui ci scansiamo dai nostri soliti affari e facciamo questi fatidici quattro conti con noi stessi. Perché diciamocelo per be[...]

Aula veneziana

A metà luglio ho fatto una cosa strana. Ho preparato la valigia e da Trieste me ne sono andata a Venezia a frequentare un corso di scrittura creativa presso l'università Ca' Foscari. Tre giorni pieni di mani sulle tempie ed inchiostro che scivola sulla pagina. Eravamo una trentina di appassionati, provenienti principalmente dal nord-est Italia, ma non sono mancate delle coraggiose presenze da Roma,[...]

Alberto, mio Angela.

Dammi tre parole: dorico, ionico, corinzio. Ed io lo so che tra qualsiasi collarino, abaco ed echino di un capitello ci sei sempre tu, Alberto. Le tue sopracciglia, che nell'atto espositivo si inarcano come volute, si spalancano con fiducia alla conoscenza. E le tue mani, in una continua danza aerea, corteggiano la Storia, la Scienza, l'Arte. Eppure da questa nostalgica terra istroveneta al confine[...]