Category:

Serial lover

Kiss, first.#7

Filippo ricorda quella mano, fatta di delicati segmenti bianchi e pelle sconfitta. La mamma, rannicchiata in quella poltrona troppo larga, gli cantava ancora quella canzone. Prendeva in prestito la voce del mare, perché lei oramai era trasparente, come l'acqua, come la luce. Come la vita che la stava abbandonando. - L' uccellin che vien dal mare, quante penne può portare, può portarne solo tre: una[...]

Kiss, first. #6

Nel buio delle lenzuola, nulla può far male, ma nemmeno granché bene. Anna ripensa a quel momento disperso, a quella voce. Un frammento di tempo interrotto e mai concluso. - Perché??? È lei, la ragazza dai capelli asimmetrici. Ha smarrito ancora una volta l'equilibrio, per far cadere addosso a Matteo e ad Anna, la sua rabbia. Così è scivolato via, quel bacio mai dato, mai chiesto, ma tanto volu[...]

Kiss, first. #5

Sono giovani ed inesperte le mani che setacciano i desideri. In quello spicchio di buio, Anna e Matteo si sono ritrovati vittime dei loro batticuori e dei loro capelli scompigliati. Finalmente così vicini, avvolti e fragili. E quel freddo pilastro su cui si appoggia Matteo, stasera sostiene loro, il solaio ed il mondo intero. E la schiena si adagia con fiducia sul petto di lui. Anna sente il calore[...]

Kiss, first. #4

Il magazzino in cui si terrà la festa è un pezzo raro di bigiotteria industriale. Alti soffitti incorniciati da tubature pendenti e scaffalature metalliche custodiscono i decibel di questo groviglio di strumenti musicali. Qui le chitarre, la batteria e il basso trovano una naturale accoglienza in un'atmosfera di melodica fantascienza. In quest'arena musicale, i giovani visi rivelano sguardi esperti[...]

Kiss, first. #3

Oggi il cielo del parco è di ferro, sta per piangere le prime gocce di neve. È dunque la giornata giusta per dirsi parole dolci, amare ed insapori. - Ti piace? - Carolina lo chiede così, semplicemente. Senza aver bisogno di conoscere il soggetto, il complemento e tutto il resto dell'analisi illogica che regola l'Amore. - Mi piace quello che è, e quello che non è. La gamba di Carolina dondola[...]

Kiss, first. #2

Dicembre è così. Ti porta per mano verso il Natale e poi ti abbandona lì, augurandoti che tu abbia qualcuno con cui festeggiarlo. Lo sa bene Matteo, che ha rinunciato ad essere felice in famiglia per riversare tutte le sue aspettative negli amici e nella musica. Lui che duella a colpi di parole amare e occhiate feroci con suo padre, uomo debole e costantemente in recupero sulla vita. L'uomo che ha[...]

“Kiss, first”: sondaggione

Ciao a tutti, oggi vorrei intrattenere un po' di genuina conversazione. Dunque, siete riusciti a leggere l'intro di "Kiss, first"? E magari anche il primo capitolo? Bravi, siete stati eroici, io per esempio non ce l'avrei fatta. E la sigla dei Cranberries, vi è piaciuta?("...perchè, c'era anche una sigla?"). Oggi ho pensato....io scrivo, scrivo, ok. Voi mi leggete, leggete, ok. Ma sarebbe interessan[...]

Kiss, first. #1

Questo liceo è troppo liceo. I ragazzi lo capiscono da tutte queste scritte sui muri e da quella scalinata che ti inghiotte in un cassetto di parole vuote e professori che hanno smarrito sé stessi prima ancora della loro professione. Anna arriva, come ogni mattina con la metro. Un viaggio muto in cui tutti i passeggeri abbracciano loro malgrado le loro solitudini; una piccola comunità di naufraghi[...]

Kiss, first. #intro

Anna ha 7 anni e ama giocare con i puzzle. È bravissima ad intuire forme, linee e colori. Ha gli occhi verdi e quando sorride abbassa lo sguardo e ti scruta da quell'angolino di imbarazzo. Ma quando corre, quello sguardo si arroventa ed è la più veloce di tutti, anche dei maschi. Matteo frequenta la stessa classe di Anna. I suoi capelli scuri non hanno logica e ha un destro che non te lo scordi. Lo[...]

Chissà cosa

Ti ho sognato, e come sempre non per mia volontà. Quando il cielo diventa un abisso di stelle, entri nella mia stanza senza bussare e inizi a giocherellare con quella mia ciocca di capelli. Non mi è rimasto nulla da farmi portar via, ti sei già preso tutto ciò che per me era importante: i miei sguardi al telefono in attesa di una tua chiamata, l'orgoglio nel sentirmi tua, ogni inizio di sorriso. Pe[...]